Consiglio generale dell’Associazione Internazionale dei Caterinati

Sarà il cardinale di Firenze, Sua Eminenza Giuseppe Betori a presiedere le Feste 2017 in onore di Santa Caterina da Siena Patrona d’Italia e d’Europa, lo ha annunciato ufficialmente l’arcivescovo monsignor Antonio Buoncristiani al Consiglio generale dell’Associazione Internazionale dei Caterinati che si è svolto nella sala del capitolo del Chiostro di San Domenico, nei giorni di sabato 4 e domenica 5 marzo scorsi. Il convegno, che si svolge a cadenza annuale, vede riuniti tutti i figli spirituali di Santa Caterina da Siena, provenienti dall’Italia e dall’estero. Durante i lavori del Consiglio generale, l’arcivescovo, che è anche presidente dell’Associazione, ha sottolineato la grande necessità di vocazioni laicali e di laici disposti a dare testimonianza di vita cristiana e per questo bisogna affidarsi alla preghiera. Oltre la normale attività di ciascun gruppo fatta di conferenze, incontri, pellegrinaggi e tutto ciò che può essere utile per diffondere il pensiero, l’opera e la dottrina di Santa Caterina da Siena, sono state programmate anche attività da svolgere in sinergia con altre associazioni o movimenti, tra queste, la più vicina come tempo è la veglia di preghiera che si svolgerà a Roma il 24 marzo prossimo nella Basilica dei Santi Apostoli, in occasione del sessantesimo anniversario della firma dei Trattati di Roma. Anche a Siena è previsto un momento di preghiera, il giorno 23 marzo alle ore 18 nella chiesa di San Cristoforo; questo incontro è stato promosso da Agesci, Focolarini, Associazione dei Caterinati, Azione Cattolica, Papa Giovanni XXIII, Equipe Notre Dame, Rinnovamento nello Spirito, Neocatecumenali e dall’Ufficio diocesano per l’Ecumenismo. La partecipazione all’incontro di preghiera è aperto a tutti, in questo momento di debolezza delle istituzioni del vecchio continente è bene affidarci alla preghiera, affinché possa illuminare i governanti. Durante i lavori del Consiglio generale è stata insignita del titolo di <Caterinato d’Onore> la presidente del Gruppo di Varazze, dottoressa Marina Delfino per l’impegno profuso nell’organizzazione del convegno tenutosi a Varazze l’8 e 9 ottobre 2016. A Roma è cambiato il Governatore dell’Arciconfraternita di Santa Caterina, il nuovo Governatore è il dottor Piero Demetrio Falorsi che prende il posto di Paolo Vannoni, che resterà comunque nella <famiglia> dei Caterinati. Il professor Nardi, Priore generale dell’Associazione, ha annunciato che tra l’estate di quest’anno e il febbraio prossimo si terranno a Siena, mostre ed eventi culturali legati alla ricorrenza del 650° anniversario della morte del beato Giovanni Colombini (1304-1367), fondatore dei Gesuati, considerato da tutti gli studiosi tra i precursori di Santa Caterina da Siena. Nei vari gruppi dell’Associazione Internazionale dei Caterinati non manca l’attenzione verso coloro che sono meno fortunati di noi. Infatti il gruppo di Trieste, sostiene una scuola a Vavareuca per bambini soli, il gruppo di Liegi Bruxelles, aiuta una scuola intitolata a Santa Caterina da Siena a Kinshasa in Congo e a questo proposito segnaliamo che un’altra scuola per 450 bambini, sempre intitolata a Santa Caterina da Siena, verrà costruita nel Benin, attraverso un progetto completamente finanziato dalla Cei, la Conferenza episcopale italiana.
L’attività dell’Associazione Internazionale dei Caterinati si snoderà attraverso il prossimo triennio, secondo le date che ricordano particolari ricorrenze cateriniane: 2018, saranno 50 anni dalla fondazione del santuario cateriniano di Eupen-Astenet in Belgio, simbolo dell’irradiazione del pensiero cateriniano in Europa; giugno 2019, ottantesimo anniversario di Santa Caterina patrona d’Italia; ottobre 2019, ventesimo anniversario di Santa Caterina, patrona d’Europa; ottobre 2020, cinquant’anni dalla proclamazione di Santa Caterina a Dottore della Chiesa Universale e fondazione dell’Associazione dei Caterinati. A settembre prossimo è previsto un convegno a Loppiano, organizzato dal Movimento dei Focolari e dall’Associazione dei Caterinati, in occasione del trentesimo anniversario della consegna della <Targa cateriniana> a Chiara Lubich.

Author: Alberto Laschi

Condividi su