Solenne Processione per il Corpus Domini

Il clero di Siena, le Compagnie laicali, le comparse delle diciassette contrade e tanta gente hanno partecipato alla processione della solennità del Corpus Domini che si è svolta giovedì 15 giugno scorso. L’arcivescovo monsignor Antonio Buoncristiani ha guidato la solenne processione portando per le vie della città la pisside con le Sacre Particole, le 225 ostie che si mantengono incorrotte dall’agosto del 1730 e che fanno di Siena una città eucaristica. E’ sempre un’emozione forte trovarsi di fronte a quelle ostie consacrate chissà da chi, in quel lontano agosto del 1730 e che sono lì, incorrotte a ricordarci che Gesù è con noi e cammina con noi. La processione si è snodata tra canti e preghiere, attraversando le strade del centro storico da piazza San Francesco alla Cattedrale. In Cattedrale l’arcivescovo si è soffermato a riflettere sul prodigio eucaristico delle Sacre Particole, ricordando la ricognizione scientifica effettuata nel settembre 2015 al termine dell’anno eucaristico diocesano, che celebrava il centenario della prima ricognizione scientifica avvenuta nel 1914. In Duomo, gremito di gente, monsignor Buoncristiani ha ricordato gli appuntamenti della Chiesa italiana dei prossimi mesi ed in modo particolare l’attenzione che la Conferenza episcopale italiana, porrà nei confronti della famiglia e dei giovani, con il sinodo dei vescovi, che si svolgerà nel 2018 e che avrà come tema: “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. Dopo la riflessione dell’arcivescovo le comparse delle contrade hanno reso omaggio alle Sacre Particole, appoggiate sull’Altare maggiore della Cattedrale.

Author: Alberto Laschi

Condividi su