Centocinquanta bambini nell’estate dei campi scuola ACR.

Rappresentano da anni un appuntamento fisso dell’estate diocesana. Quando la bella stagione arriva, è proprio il caso di dirlo, i Campi dell’Azione Cattolica Ragazzi non vanno in vacanza. Anche in questo 2017 non sono mancate le proposte da segnare in agenda: centocinquanta bambini circa hanno partecipato ai cinque grest, distribuiti durante i mesi più caldi. Nella prima settimana di giugno è stata la volta dei ragazzi dalla prima alla terza elementare; undicenni e dodicenni hanno partecipato al Campo di luglio; mentre ad Agosto sono state programmate le settimane dedicate ai quattordicenni e ai bambini di quarta e quinta elementare.

I campi estivi giungono alla chiusura delle attività parrocchiali, per spingere bambini e ragazzi a costruire relazioni all’interno della dimensione diocesana. L’estate non è solo un periodo di riposo, ma anche un momento prezioso che l’Azione Cattolica ha da sempre valorizzato. Educatori e giovani hanno rimesso la propria fede in gioco, accompagnati questa volta dalla figura di San Francesco d’Assisi. A partire, infatti, dall’enciclica «Laudato sì» del pontefice, i ragazzi quest’estate hanno riflettuto e sperimentato la cura della “casa comune” oltreché il significato dell’essere custodi del creato, del prossimo e della fede.

Una vita comunitaria contornata da momenti di preghiera, ma anche di gioco e di servizio: da sempre una ricetta vincente che vede crescere nel tempo le adesioni, anche nel momento in cui l’Azione Cattolica si prepara a festeggiare i cinquant’anni di campi scuola.

Si chiama “OpenVivo” ed è l’iniziativa con cui l’Associazione Diocesana di Siena dell’AC, ha deciso di commemorare il primo campo scuola svoltosi nella tradizionale Colonia del CIF al Vivo d’Orcia. Era il 1968 e da allora tantissimi giovani, adulti e sacerdoti hanno trascorso momenti di grazia in quella struttura e nelle case di Pernina, Gerfalco, Castel del Piano e Cortona. Il prossimo 17 settembre l’Azione Cattolica organizzerà dunque una giornata di condivisione, ricordi, foto e molto altro ancora.

«Ripartiamo dalle nostre radici, dalla nostra storia, dai volti e le mani degli amici con cui abbiamo trascorso giorni di Bellezza indimenticabile e indimenticata – così il Presidente Alessandro Pagliantini sul sito ufficiale dell’AC diocesana -. Per tutto il prossimo anno associativo – l’anno del custodire – continueremo a riflettere, a coinvolgere, accogliere. Sarà un cantiere aperto di riscoperta della nostra vocazione di laici di Azione Cattolica, rivolto ad un futuro radicato nei nostri cuori anche grazie alle centinaia di campiscuola del Vivo, di Pernina, Gerfalco…di Gello (l’ultimo arrivato). Non mancate, sarà una giornata speciale!».

Author: Alberto Laschi

Condividi su