Adorazione continua del Santissimo Sacramento

Immagine

Da lunedì 4 dicembre avrà luogo, nella chiesa di San Cristoforo, in Siena, un’ adorazione continua del Santissimo Sacramento, quotidianamente, per tutto il periodo dell’Avvento, dalle ore 10.30 alle 18.30 (esclusa la domenica).

Di seguito la lettere di S.E. Mons. Antonio Buoncristiani:

È con gioia che esprimo gratitudine al Signore per quanto sta operando nella nostra Chiesa almeno nel “segno” di un progetto pastorale cittadino che ha designato la Chiesa centrale di San Cristoforo come luogo deputato all’Adorazione Eucaristica.

     Ringrazio la Consorteria delle Compagnie Laicali per l’iniziativa del prossimo Avvento che vorrebbe essere l’inizio di una consuetudine che si prolunga nel tempo facendo affidamento su tante persone che si impegnino ad assicurare la loro presenza.

     Siamo oramai pienamente coscienti della crisi di fede che stiamo attraversando e l’unico rimedio è quello di una convinta “Nuova Evangelizzazione” vissuta anzitutto con la nostra testimonianza di vita, indispensabile per rendere credibile la Buona Novella del Vangelo.

     Ma perché questo abbia frutto in ciascuno di noi, anzitutto, è necessario vivere la nostra relazione con Dio in una preghiera insistente perché non ci manchino i Doni dello Spirito Santo perché – come ci ha detto il Signore – è Lui che ci porterà alla “verità tutta intera”, rafforzandoci nel credere che Gesù è “il Signore”, facendoci capire ciò di cui abbiamo veramente bisogno, permettendoci di rivolgerci a Dio chiamandolo “Abba – Padre”.

     Questo rapporto con Dio va vissuto proprio nella preghiera, e l’Adorazione Eucaristica è la forma di amore più sincera e disponibile, nella quale possiamo contemplare il Mistero di un Dio di Misericordia che è voluto restare in mezzo a noi sacramentalmente perché noi potessimo trasformarci gradualmente in poveri segni del suo Amore.

     Siena è “Città Eucaristica” perché custodisce, da quasi tre secoli, nelle SS. Particole un segno straordinario della Sua continua presenza. È una patria di Santi, come Caterina e Bernardino, che proprio dall’Eucaristia hanno tratto la loro forza evangelica. È “Città della Vergine” che è Maestra di preghiera perché nessuno più e meglio di lei ha saputo contemplare Gesù con sguardo di fede e accogliere nel cuore le intime risonanze della sua presenza umana e divina.

     Dovremmo saper cogliere e far fruttificare questa eredità di valori di fede che ci viene da tanto lontano. Umilmente è ciò che tutti insieme vogliamo chiedere al Signore!

Siena, 15 novembre 2017

                                                                                            † Antonio Buoncristiani,

                                                                                                        arcivescovo

 

 

Author: Alberto Laschi

Condividi su