Commemorazione dei fedeli defunti

20181101_163910_resized

Come ogni anno, Sua Eccellenza Monsignor Arcivescovo Antonio Buoncristiani, nella ricorrenza della festività di Tutti i Santi, si è recato al Cimitero comunale del Laterino e, nel  giorno della Commemorazione dei defunti, al Camposanto Monumentale della Misericordia, per presiedere le Sante Messe e benedire le tombe.

Il Camposanto ci offre spunti di riflessione sul senso della nostra esistenza,  sul pellegrinaggio  terreno, sulla vita eterna .

La riflessione cristiana ci invita all’impegno ad  improntare la nostra vita sull’amore, sulla santità, che viene richiesta a tutti i seguaci del Signore.

Il Vangelo delle Beatitudini, annunciato nel giorno dei Santi e nella ricorrenza dei Defunti sta a sottolineare la comune identità delle due feste religiose -ha detto l’Arcivescovo-, la stessa realtà dei Santi che sono nella gloria e dei morti che si trovano nell’attesa della luce, nel mistero dell’eternità.

Il Vangelo di Matteo (5, 1-12) indica l’amore di Dio verso gli ultimi, verso coloro che una società, connotata da atteggiamenti opposti alle beatitudini evangeliche, sembra non considerare.

La fede cristiana ci dà  la certezza che le persone che hanno sofferto, che hanno vissuto umilmente, che hanno saputo perdonare, sono nella gloria del Signore, santi dalla vita ordinaria, non canonizzati, non chiamati a fare miracoli, ma ugualmente santi che godono  del Suo amore.

Sono i santi <della porta accanto> dei quali parla Papa Francesco nella Gaudete et exultate.

Siamo senza dubbio in una situazione difficile, in un mondo segnato dall’egoismo, proteso alla realizzazione personale, in netta contraddizione con le Beatitudini evangeliche.

Tutto sembra parlarci della mancanza di trasmissione di ideali umani e cristiani alle nuove generazioni, <l’annuncio del Vangelo è stato disatteso da almeno due generazioni, si sono perdute alcune dimensioni della nostra fede, è venuta meno la testimonianza dei valori  fondamentali.

La preghiera, pertanto, si fa sempre più necessaria, perché  il Signore, per intercessione di coloro che ci hanno preceduto, ci aiuti ad essere cristiani autentici capaci di trasmettere ancora la nostra fede>-ha concluso Monsignor Arcivescovo.

Preferenze Privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.