Inaugurato un dipinto del Beato senese Pier Pettinaio

Cattura

Domenica 27 gennaio, dopo la S. Messa delle ore 11.15, nella Insigne Collegiata di Santa Maria in Provenzano, è stato benedetto dal parroco, don Enrico Grassini, e presentato alla comunità, il dipinto ad olio su tela del beato Pier Pettinaio, opera dell’artista Giovanni Gasparro, già autore del quadro della beata Anna Maria Taigi, collocato nella stessa chiesa.

<…se ciò non fosse, ch’a memoria m’ebbe
Pier Pettinaio in sue sante orazioni,
a cui di me per caritate increbbe> (Dante,Purgatorio XIII, 127-129)

queste le parole di Sapia, zia paterna di Provenzano Salvani che, per invidia, desiderò la sconfitta dei propri concittadini senesi e la morte del nipote, entrambe avvenute nella guerra tra le fazioni di ghibellini e guelfi di Siena e Firenze con la battaglia di Colle (anno1269). Si evince dal racconto di Dante che per le preghiere di Pier Pettinaio, a Sapia furono risparmiate le pene dell’Inferno.
Il beato senese, terziario francescano, era all’epoca un personaggio famoso non per la sua eloquenza, ma per la sua preghiera, il suo agire , la sua carità. Nel rione della Contrada Priora della Civetta, Pier Pettinaio aveva la sua bottega di <pettini>, strumenti utili, al tempo, per la lavorazione della lana. E proprio questa Contrada ha voluto costituire, in suo ricordo la <Compagnia di Pier Pettinaio>, istituzione attenta ai bisogni del territorio ed attiva nelle opere caritatevoli.
Nel dipinto del giovane, ma già famoso pittore Gasparro, il Beato è raffigurato con il dito che chiude le labbra, per indicare il silenzio, come da tradizione iconografica e con un foglio bianco, in mano, con parole cancellate: sono i peccati che Pier Pettinaio era solito elencare prima della Confessione, cancellati nella notte da un angelo inviato dal Signore. Vi è rappresentato anche un pettine ed in fondo, in un angolo, lo stemma della Contrada Priora della Civetta, volutamente oscuro perché il suo motto è <Vedo nella notte>.
Alla cerimonia di inaugurazione del quadro, che andrà ad arricchire il già cospicuo patrimonio artistico della Basilica, erano presenti i dirigenti della Contrada con un paggetto che ha offerto un omaggio floreale al Beato, padre Marco Bellachioma, Rettore della Basilica di San Francesco, i terziari francescani e molti fedeli che hanno ascoltato le parole di don Enrico sulla figura di questo beato senese, che fa parte della moltitudine dei santi della nostra città.

 

 

Preferenze Privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.