L’incontro di Francesco d’Assisi con il Sultano

sultano

L’incontro di Francesco d’Assisi con il Sultano

A Siena un convegno sulle origini del dialogo tra Cristianesimo e Islam

Ottocento anni fa, Francesco d’Assisi riesce avventurosamente a raggiungere il Sultano d’Egitto, assediato dagli eserciti cristiani a Damietta, nel corso di una crociata sanguinosa. Per tre giorni e tre notti di una fragile tregua, tra il giullare di Dio e il sovrano saraceno prende avvio un dialogo imprevedibile sul Dio unico e sui modi di adorarlo. Un confronto nel segno del rispetto reciproco, che verrà occultato per secoli, e raccontato da narrazioni strumentali che hanno finito per alterarne il senso profondo. È questo il tema del romanzo di Ernesto Ferrero (Einaudi), da cui prende avvio il convegno Francesco e il Sultano. Alle radici del dialogo interreligioso, che si tiene a Siena il 15 gennaio (Sala Sant’Ansano, Santa Maria della Scala, ore 17.30).
Non è un caso che nel riavviare il dialogo con l’Islam, oggi più che mai cruciale, Papa Benedetto XVI e Papa Francesco abbiano guardato a quel lontano episodio, che a distanza di secoli offre un terreno di convergenza all’Europa cristiana e all’Oriente musulmano. Con Ferrero, ne discutono Sua Eccellenza Monsignor Augusto Paolo Lojudice, Arcivescovo di Siena, Colle Val d’Elsa e Montalcino, e Andrea Monda, direttore de “L’Osservatore Romano”.
Introduce e modera Alberto Brandani, Presidente della Fondazione Formiche e del Premio letterario Elba Brignetti. “Si è trattato di un vero e proprio modello di interlocuzione e di ascolto, maturato in mezzo a drammatici eventi storici – osserva Brandani – Ancora una volta Francesco ci fa capire quale valenza rivoluzionaria abbia il cristianesimo primitivo cui guarda: il messaggio di un amore radicale, che trasforma i nemici in fratelli, assume integralmente su di sé il peso dell’altro, tutto capisce e tutto perdona, e rende possibile la vera pace”.
Il convegno è promosso da Ferrovie dello Stato Italiane con la rivista La Freccia, organizzato dalla Fondazione Formiche con il patrocinio del Comune di Siena e il sostegno di Opera Civita.

Preferenze Privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.