IL 24 GIUGNO IL CARD. LOJUDICE APRE LA CONFERENZA SU “ARTE E FEDE PER SAN GIOVANNI BATTISTA”

affreschi-libreria

Venerdì 24 giugno, alle ore 10,30 nel Duomo di Siena all’interno della Libreria Piccolomini, si terrà una conferenza dal titolo “ARTE E FEDE PER SAN GIOVANNI BATTISTA. La committenza al tempo dell’Aringhieri”. Dopo i saluti di S.Em. Augusto Paolo Cardinale Lojudice, Arcivescovo di Siena – Colle Val d’Elsa – Montalcino e del Prof. Giovanni Minnucci, Rettore dell’Opera della Metropolitana, interverranno la Dott.ssa Barbara Gelli sui rapporti tra Siena, Pio II e la famiglia Aringhieri e il Dott. Bruno Carabellese sull’apparato pittorico e scultoreo della Cappella di San Giovanni Battista nella Cattedrale di Siena.
Il 24 giugno, giorno in cui si commemora la Solennità della Natività di San Giovanni Battista, l’Opera della Metropolitana di Siena intende, quindi, dar seguito alla valorizzazione di questa festività, legata alla presenza in Cattedrale della preziosa reliquia del braccio di San Giovanni, donata nel 1464 alla Città da papa Pio II, come ultimo approdo del suo peregrinare dalle terre cristiane d’Oriente, invase dagli Ottomani dopo la conquista di Costantinopoli del 1453.
Il papa senese aveva, infatti, ricevuto in custodia la reliquia dalle mani di Tommaso Paleològo, fratello dell’ultimo Imperatore Romano d’Oriente Costantino XI. Il dono della reliquia alla Città di Siena si inserisce in un contesto storico di estremo interesse, religioso e culturale, che fece di Siena, in quegli anni, un punto di riferimento importante per le strategie politiche e diplomatiche nei confronti dell’avanzata turca verso Occidente.
La presenza della reliquia e le esigenze di esporla decorosamente, diedero origine ad una committenza artistica di estrema importanza per la storia dell’arte senese. Oltre ai due reliquiari, di recente studiati e presentati lo scorso anno dagli storici dell’arte Elisabetta Cioni e Gabriele Fattorini, la committenza artistica produsse opere di grandissimo rilievo nella Cappella del Battista, a partire dall’epoca del Rettore dell’Opera Alberto Aringhieri, agli inizi del’500, in cui furono realizzati, fra le altre opere, gli affreschi di Pinturicchio e collocato il San Giovanni di Donatello.
Nel giorno della Festività S. Em. il Cardinale Arcivescovo, giovedì 23 giugno alle 18.30, celebrerà la Santa Messa in Cattedrale.

Preferenze Privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.