IL CARD. LOJUDICE DOMENICA A FIRENZE CONCELEBRERÀ CON IL PAPA IN OCCASIONE DELL’INCONTRO “MEDITERRANEO FRONTIERA DI PACE”

WhatsApp Image 2022-02-21 at 10.41.01

Firenze si prepara ad accogliere un grande evento: dal 23 al 27 febbraio, nel segno del sindaco Santo Giorgio La Pira, la città ospiterà il convegno dei vescovi “Mediterraneo frontiera di pace”, promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana, e il “Forum dei sindaci del Mediterraneo”, convocato dal sindaco Dario Nardella. Domenica 27 febbraio Papa Francesco sarà in visita a Firenze proprio in occasione dell’incontro congiunto di vescovi e sindaci del Mediterraneo.
Questo importante appuntamento per la città vedrà la partecipazione del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella (domenica 27 febbraio) e del Presidente del Consiglio, Mario Draghi (mercoledì 23 febbraio).
Il convegno “Mediterraneo frontiera di pace” e il “Forum dei sindaci del Mediterraneo” vedranno la presenza di una delegazione di circa 60 vescovi e 60 sindaci provenienti da quasi tutti i Paesi che si affacciano sul Mare Nostrum, oltre ad ospiti di rilievo internazionale.

Domenica 27 febbraio Papa Francesco, dopo aver incontrato vescovi e sindaci riuniti in Palazzo Vecchio, presiederà la Celebrazione Eucaristica a Santa Croce per poi recitare l’Angelus sul sagrato della basilica. Grazie all’importante impegno dell’Opera di Santa Croce e della Comunità Francescana è stato possibile allestire gli spazi interni per la migliore accoglienza del Santo Padre, dei fedeli e delle autorità.
La santa messa alle 10.30 sarà presieduta da Papa Francesco, a concelebrare con lui 14 cardinali, 6 patriarchi, 97 vescovi e 96 preti.

Fra i vescovi i 60 delegati del convegno più i vescovi italiani che arriveranno domenica a Firenze per la celebrazione a cui prenderà parte anche il Card. AUGUSTO PAOLO LOJUDICE, Arcivescovo di Siena- Colle di Val D’Elsa-Montalcino.
A causa delle misure di sicurezza e di quelle sanitarie in basilica potranno partecipare alla messa 750 persone: fedeli, ministri della Comunione, autorità, sindaci, rappresentanti delle altre confessioni cristiane e rappresentanti delle altre religioni, volontari e elementi del coro, oltre i 300 concelebranti.

La priorità per la partecipazione alla messa in basilica è stata data alle persone più fragili: ammalati, disabili, carcerati, indigenti e altri soggetti deboli e con difficoltà di cui si prendono cura quotidianamente le realtà diocesane e cittadine. Sono circa 30 le associazioni del territorio coinvolte per consentire a tutti la presenza e l’accompagnamento in basilica. La celebrazione sarà accompagnata dalla traduzione di un interprete Lis (lingua italiana dei segni) per i non udenti.

Qui il programma completo di tutte le giornate:
https://www.mediterraneodipace.it/programma/

Preferenze Privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.