INSIEME CONTRO LE MAFIE E NEL RICORDO DELLE VITTIME

evento_livatino

Contro le mafie l’unione fa la forza. Questo il messaggio che è risuonato ieri durante il convegno “Nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti, ma credibili. Ad un anno dalla beatificazione di Rosario Livatino”, promosso dall’Arcidiocesi di Siena- Colle di Val D’Elsa-Montalcino, in collaborazione con la Regione Toscana, l’Ente Terre regionali Toscane, Libera e la tenuta di Suvignano, tra le più grandi del centro Italia confiscata alla mafia.

Solo uniti, infatti, è possibile contrastare la criminalità mafiosa e ogni forma di ingiustizia.

Sopra una foto di gruppo scattata al termine dell’evento. Presenti il card. Augusto Paolo Lojudice; il presidente della regione Eugenio Giani; Luciano Costantini e Roberto Carrelli Palombi, presidenti rispettivamente del Tribunale di Livorno e Siena; Maria Forte, prefetto di Siena; don Andrea Bigalli, referente di Libera Toscana; Stefano Ciuoffo, assessore regionale con delega alla legalità; Gabriele Berni, sindaco di Monteroni D’Arbia; Davide Ricci, sindaco di Murlo; Gabriele Romaldo, vicedirettore dell’Ufficio comunicazioni sociali dell’arcidiocesi di Siena-Colle Val D’Elsa-Montalcino, e Livia Lancellotti, laureata in giurisprudenza, tra gli ideatori dell’evento.

Preferenze Privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.