NATALE, LA FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI A SOSTEGNO DELLA CARITAS DIOCESANA PER L’ACCOGLIENZA DEI MIGRANTI

WhatsApp-Image-2022-03-21-at-12.15.05-thegem-blog-timeline-large

Anche la Fondazione Monte dei Paschi di Siena ha voluto rispondere all’appello lanciato dal Cardinale Augusto Paolo Lojudice, arcivescovo di Siena-Colle di Val D’Elsa-Montalcino, per sostenere, in vista del Natale, le persone arrivate in Italia in fuga dai loro Paesi.
È stato infatti previsto un contributo importante che verrà devoluto alla Caritas diocesana, così da sostenere i richiedenti asilo che ogni giorno vengono accolti per mangiare e dormire in varie strutture: a Rencine, ad Arbia e a Siena, in particolare presso il centro di via Mascagni dove sono in corso i lavori per l’istallazione di un sistema di riscaldamento nuovo e più efficiente.

“Siamo da sempre attenti alle varie emergenze della comunità e contribuiamo concretamente ai bisogni territoriali per l’accoglienza di persone, fra cui spesso minori, costrette a fuggire dalla propria terra. Nel corso del 2022 abbiamo sostenuto Caritas, e altre realtà locali del terzo settore, con una serie di interventi a carattere umanitario, sanitario e sociale. – afferma Carlo Rossi, presidente Fondazione Mps. Complessivamente sono state finanziate iniziative per oltre centocinquantamila euro per fronteggiare le emergenze, da ultimo dei migranti pachistani, ma, in particolare, dei profughi provenienti dall’Ucraina, sostenendo, a livello locale, l’accoglienza di studenti, docenti e ricercatori ucraini e russi e favorendo l’organizzazione dei campi estivi per bambini ucraini.  La nostra Fondazione, inoltre, ha aderito, a livello nazionale, all’iniziativa per l’emergenza Ucraina promossa da ACRI.”

“Al momento – spiega Anna Ferretti, dell’equipe Caritas – sono 50 le persone che stiamo ospitando per la notte, ma sappiamo che altre sono costrette a dormire alla stazione. Ogni giorno, invece, sono circa 80 i pasti che distribuiamo”.
“Ringraziamo davvero – aggiunge Ferretti – la Fondazione, perché ci permetterà di portare avanti il nostro impegno, sia per quanto riguarda l’accoglienza notturna, sia per i pasti e per la possibilità di offrire a queste persone indumenti puliti con cui cambiarsi. Vogliamo che l’accoglienza che offriamo sia dignitosa e anche corretta da un punto di vista igienico sanitario”.
“È da maggio – conclude – che siamo impegnati su questi fronti, e noi come le altre realtà di volontariato con cui collaboriamo, siamo provati da questo impegno. Questo contributo ci darà modo di proseguire l’impegno, a noi come Caritas ma anche ad altre tre associazioni, la Corte dei Miracoli, Auser Siena e Misericordia, perché da soli non possiamo fare niente, mentre insieme riusciamo a raggiungere risultati importanti”.

Preferenze Privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.